Temi
Cerca
Home
Notizie - Eventi

Poetaxcaso

 
Autori - Vecchio Giovanni

GreRomGiovanni Vecchio

Acireale e i rivolgimenti storico-sociali dal 1848 al 1861 

La rivolta antiborbonica del 1837 in Sicilia interessò Messina e poi Siracusa , Floridia, Canicattini, Catania, Motta S. Anastasia, Paternò e Biancavilla. Acireale e i comuni vicini, invece, non si mossero e rimasero fedeli alla casa regnante dei Borboni. Come testimonia mons. Salvatore Bella, anzi “un tal Francesco Pappalardo ch’era venuto a suscitarla, dovette tornarsene scorbacchiato e in fuga” e, quando per un falso allarme si diffuse in città la notizia che i catanesi stavano per giungere ad Acireale per punirla della mancata adesione alla rivolta, “non fu persona che non corresse alle armi, pronta, come scriveva il Civico Comitato al Governo del re, a dare il sangue e la vita per il sovrano legittimo”. (da:  Accademia di Scienze Lettere e Belle Arti degli Zelanti e dei Dafnici Acireale, Memorie e Rendiconti, Serie V- Vol. X, Acireale 2011)

Leggi tutto...

 
Autori - Continella Giovanni

AcipiantaGiovanni Continella  

Recente Evoluzione dell'Agricoltura nel Territorio di Acireale

L'insieme delle condizioni fisiche del territorio di Acireale, particolarmente la posizione geografica favorevole, la mitezza delle caratteristiche climatiche, la ricchezza di disponibilità idriche, ha indotto fin da tempi remoti una sua significativa antropizzazione. L'uomo ha, nel tempo, affermato la sua presenza in quest'ambiente con la costruzione di insediamenti urbani molto diffusi e con la colonizzazione di sempre più ampie porzioni di terreno che veniva, così' sottratto alla vegetazione spontanea. (da: Memorie e Rendiconti dell'Accademia di Scienze, Lettere e Belle Arti degli Zelanti e dei Dafnici, Serie IV, Vol X, 2000).

Leggi tutto...

 
Uomini - Caduti Prima Guerra Mondiale

Dicembre 1915 - I caduti di Aci nella Grande Guerra -

Elenco dei caduti delle Aci (Acireale, Acicatena, Aci Sant'antonio, Aci Castello, Aci Bonaccorsi) morti nel dicembre del 1915 sui diversi fronti di guerra.

TestCadDic1915

Leggi tutto...

 
Autori - Catalano Sebastiano

Salvatore vigo 2Sebastiano Catalano

Salvatore Vigo Platania (Acireale 1784 - Palermo 1874)

La città di Acireale ha espresso in ogni epoca cittadini che hanno, con le loro opere e con una vita pubblica esemplare, aumentato il decoro civile e il prestigio della loro patria. Uno di essi vogliamo ricordare nel bicentenario della nascita: Salvatore Vigo Platania, nato il 16 settembre 1784. Il casato genovese era trapiantato da circa un secolo in Sicilia e l'avo Gian Battista Vigo aveva, nel 1672, acquistato le segrezie di Acireale. Nel 1679 lo zio Giuseppe acquistò dalla Regia Corte le Segrezie di Gallidoro e otteneva l'investitura feudale dello stato e terra di Gallidoro, diventandone signore e barone. (da: Memorie e Rendiconti dell'Accademia di Scienze, Lettere e Belle Arti degli Zelanti e dei Dafnici, Serie III, Vol VI, 1984).

Leggi tutto...

 
Autori - Finocchiaro Salvatore

porto1Salvatore Finocchiaro

Le Barche dei Pingisanti. Le imbarcazioni tradizionali siciliane decorate "alla catanese"

Le foto di fine ottocento del porto di Catania, quando ancora il mare arrivava fin sotto gli archi della marina, ci mostrano centinaia di piccole barche – il naviglio minore – agli ormeggi pronte a salpare per una nuova battuta di pesca. 

Leggi tutto...

 
Autori - Continella Giovanni

PVastaGiovanni Continella  

La dimora di Pietro Paolo Vasta in Acireale

Quale radice, quale sito della memoria nell’esistenza di ogni uomo è più connaturata della sua dimora? E quando un uomo è uno spirito eletto, i posteri, prima o poi, ritengono giusto ed opportuno eternarne la memoria su una materia in grado di sfidare i secoli, il marmo, il bronzo. Talvolta si può giungere a erigere un monumento – basti ricordare i busti di uomini illustri che ne tramandano il ricordo disposti nei giardini pubblici – e Acireale ne conta alcuni esempi in due casi, il Giardino Belvedere e la Piazza Lionardo Vigo. Ma, in genere, ci si limita ad apporre una lapide sulla facciata della dimora ove egli era vissuto, nel più appropriato sito della memoria, appunto. (da: Memorie e Rendiconti dell'Accademia di Scienze, Lettere e Belle Arti degli Zelanti e dei Dafnici, Serie V, Vol I, 2010).

Leggi tutto...

 
Autori - Bella Saro

timpagifSaro Bella 

Cenni storici sulla Timpa di Acireale (Seconda parte 2/2)

Anche tra un allarme e l'altro il via vai di donne era la disperazione dei giurati che facevano fatica a contenere il continuo flusso non eccessivamente disciplinato che per la via del Tocco scendeva e saliva dalle sorgenti. Nonostante le difese, il pericolo era costante ed i giurati si affannavano ad emettere bandi sulla cui efficacia, tuttavia, nutriamo parecchi dubbi: "è pervenuto a notizia delli spettabili giurati di questa città di Jace che li donne che solino andare a lavare li loro drappi tele e altre robbe all'acqua delle marine d'essa città e vanno ad hore quattro di matina e forse più, per il che potria succedere alcuna invasione e damno di vaxelli di cursali di inimici nostri ...(da: Riserva Naturale Orientata La Timpa, 2007).

Leggi tutto...

 
Tot. visite contenuti : 390504

Questo sito utilizza i cookie per fornire migliori servizi ed esperienze agli utenti. Se decidi di continuare la navigazione ne accetti il loro uso.

Maggiori Informazioni

 

Link Storiofiliaci

Aciww1p

fotoCatefotoSant

 

DipCaDipSd

 

CappSvStarter

  

breg